Momenti di festa

Martedì 31 Gennaio e giovedì 2 Febbraio sono stati due giorni di vera festa per tutto il nostro Istituto.
Martedì abbiamo festeggiato don Bosco: a Lui dobbiamo il carisma  che ispira il nostro stile educativo!

Ecco la nostra festa raccontata da:

Cecilia e Alice della 3C

Il giorno 31 gennaio, come ogni anno, tutta la scuola, primaria e secondaria, ha passato un’allegra giornata scolastica in occasione della festa di Don Bosco, santo molto importante per la nostra grande famiglia salesiana, che ancora osserva i suoi insegnamenti. Il suo metodo educativo, detto “sistema preventivo”, basato sui principi diragione, religione e amorevolezza, è infatti alla base del metodo di insegnamento impartito nella nostra scuola.

Abbiamo cominciato questa speciale giornata facendo alcuni semplici ma divertenti giochi, con l’obbiettivo di suscitare l’allegria necessaria per trascorrere serenamente questa ricorrenza importante. Nel caso di noi terze, l’attività è stata una divertente e in alcuni casi istruttiva battaglia navale.

Verso le nove tutti i ragazzi, accompagnati dai docenti, si sono diretti verso la chiesa Regina Pacis per celebrare la messa. Tutti hanno partecipato attivamente alla celebrazione: chi cantava, chi suonava e anche… chi ballava! Al termine della messa, infatti, le ragazze di seconda, hanno dedicato al Santo un balletto, a nostro parere splendido, sulle note di una canzone spagnola.

Successivamente le elementari si sono separate dalla secondaria così da andare nella palestra dietro l’edificio per divertirsi con dei giochi d’abilità, mentre le medie hanno fatto merenda con pane e salame, com’è di tradizione ogni anno.

Dopo essersi saziate, le classi della secondaria si sono dirette al teatro che sta a due passi dalla chiesa e che prende, tra l’altro, il nome di san Giovanni Bosco. Lì hanno assistito ad uno spettacolo comico sulla vita del santo, rappresentato da due esperti teatrali. Uno spettacolo a dir poco esilarante, che hanno seguito con interesse e partecipazione.

Infine sono tornate a scuola e, nell’attesa del suono della campanella, hanno concluso i giochi precedentemente interrotti.

In conclusione, la giornata si è rivelata un gran successo, è stata ricca di allegria e contenuti che ci hanno fatto avvicinare ancora di più alla storia dei san Giovanni Bosco. È sicuramente stata una bella esperienza da ripetere anche il prossimo anno, così da ricordarsi sempre delle origini della scuola e dei suoi metodi educativi.

Giovedì mattina, è arrivata a scuola suor Maria Teresa Cocco, Madre Ispettrice delle Figlie di Maria Ausiliatrice  dell’Ispettoria lombarda. Il suo sorriso ha conquistato tutti.
Tra canti, animazione e colori abbiamo espresso il nostro affetto e la profonda riconoscenza per essere stati onorati da un ospite così speciale. Una visita breve ma che ha lasciato in ognuno un segno. Ci siamo tutti sentiti accolti: abbiamo vissuto un incontro autentico con chi è allenato ad andare oltre la superficie delle apparenze e delle circostanze. Motivi per dire grazie ne abbiamo veramente molti! Ora non ci resta che proseguire il cammino in questo anno: ci aspettano nuovi traguardi e nuove esperienze, all’insegna dell’allegria, dell’impegno e di uno stile educativo … inossidabile!img_0851